....

WHAT IS DIEN CHAN?

'Dien Chan' is a form of reflexology. Reflexology implies the principle that by stimulating one part of the body, another part of the body is rebalanced. More precisely, when the skin (a major sense organ) is stimulated according to established maps which reflect all the organs of the body, the nervous system (central, then peripheral) responds to reach the targetted organ or area.

 

There is a database in the brain within which all the organs of the body are coded to their correct function. This database is triggered by the stimulation of certain points and areas to signal a reminder that something has been modified to affect this function. And thus the correct functioning can, when possible, be restored.

 

Dien Chan or 'Vietnamese Facial Reflexology' is the youngest of the reflexologies to appear on our planet. To date, it is the most powerful of the reflexologies as this stimulation can be performed on oneself independently.

 

It was established by Professor Bui Quoch Chau who, with no experience in the world of therapy, worked with a group of acupuncturists to experiment, create and code a therapeutic possibility. Dien Chan is the fruit of his passion for reflexology and Vietnamese medicine which puts the face at the centre of everything through massage, stimulation and knowledge of vital points.

 

Therefore he chose an area already widely understood within the realm of Vietnamese therapy. However, this reflexology remains unique within its genre for a number of reasons:

 

 

  • It is performed in the presence of all 5 sense organs simultaneously 

  • It allows anyone to work on themselves independently, at any time and to combat any symptom in their body, every day, as often as they choose.

 

FROM EAST TO WEST

FROM WEST TO EAST

The technique was invented in Vietnam through the use of needles on the face but was always intended primarily to reach everyone. The Vietnamese were already working with the face to resolve health problems for hundreds and thousands of years. Indeed, facial massage remains and popular aspect of their culture today.

Building upon this local behaviour, Professor Chau studied a grid of infinite points and maps (a departure from ancient knowledge) to decipher how the internal organs are placed upon, and connected to, the face. His brilliant and modern intuition led to the depiction of maps for the face and also the body. Therein, Dien Chan in its full application is a 'multi-reflexology'. 

 

As it was designed, this technique is perfect for the population it was born to. However, valid techniques and valid medicines cross the confines dictated by men, by time and by space; they remain useful beyond their origin.

APPLICATION IN VIETNAM

DIEN CHAN

  • Born through the use of needles it was later applied using instruments designed by Professor Chau

  • It is performed using fixed points and studied using the puncture of needles

  • Instruments are used invasively on the face, the head and the body

  • The mode of execution is fast

  • The recipient is seated in front of the operator

  • The appropriate parts are stimulated, heated with moxibustion, and rolled with tools

  • Points from the grid are pressed and patches applied for a slow release of stimulation thereafter

  • Each treatment lasts, on average, 10 minutes

  • Advice about follow-up treatment is not shared with the recipient because everyone has their own way of curing themselves through the face

  • There is no 'energetic contact' between the recipient and the operator

  • Watches and metals are worn during treatment

  • Cell phones are permitted during treatment

  • The stimulation of points is very painful, to the limit of one's endurance

 

 

 

The Vietnamese are great teachers of the technique performed in this way and at the same time suited to recieve it in this way. Indeed, that is why it is performed this way; they have a completely different perspective on healing. As elsewhere in the East, they associate curing with the experience of pain.

 

The technique is perfect for them in this way and only they are capable of performing it with such precision. Westeners, or those from the East living here, cannot perform it like them, nor recieve it with such brevety and discomfort.

..

COS'È IL DIEN CHAN?

'Dien Chan' è una forma di riflessologia. Riflessologia implica il principio per il quale  stimolando una parte del corpo ne viene riequilibrata un'altra. Più precisamente quando la pelle, in qualità di organo di senso maggiore, viene stimolata, secondo mappe stabilite che riflettono tutti gli organi del corpo, il sistema nervoso, centrale e periferico, risponde per raggiungere l'organo o area bersaglio.

 

All'interno del cervello è come se ci fosse un database dove tutti gli organi sono codificati per la loro corretta funzione. Questo database viene attivato dalla stimolazione di determinati punti e aree creando un promemoria dell'avvenuta modifica per migliorare una determinata funzione. Il corretto funzionamento può, quindi, essere ripristinato quando possibile.

 

Dien Chan o "Riflessologia facciale vietnamita" è la più giovane delle riflessologie a comparire sul nostro pianeta. Ad oggi, è la più potente poiché la stimolazione può essere eseguita autonomamente.

 

È stata istituita dal professor Bui Quoch Chau che, senza esperienza nel mondo della terapia, ha lavorato con un gruppo di agopuntori per sperimentare, creare e codificare una possibilità terapeutica. Dien Chan è il frutto della sua passione per la riflessologia e la medicina vietnamita che mette il viso al centro di tutto attraverso il massaggio, la stimolazione e la conoscenza dei punti vitali.

 

Perciò scelse un'area già ampiamente compresa nel regno della terapia vietnamita. Tuttavia, questa riflessologia rimane unica nel suo genere per una serie di motivi:

 

 

  • Viene eseguita in presenza di tutti e cinque gli organi di senso contemporaneamente

  • Permette a chiunque di lavorare autonomamente, in qualsiasi momento e per combattere ogni sintomo, ogni giorno, tutte le volte che lo desidera.

DA EST AD OVEST

DA OVEST AD EST

Questa tecnica fu inventata in Vietnam attraverso l'uso di aghi sul viso, ma è stata sempre intesa per essere alla portata tutti. I vietnamiti erano già abituati a trattarsi il volto per risolvere problemi di salute, già da centinaia e migliaia di anni. Il massaggio del viso, infatti, rimane un aspetto popolare della loro cultura attuale.

 

Basandosi su questo comportamento locale, il professor Chau ha studiato una griglia di punti e mappe partendo da antiche conoscenze. In questo modo riuscì a decifrare il modo in cui gli organi interni sono collocati e collegati al volto. La sua intuizione brillante e moderna portò alla creazione di mappe per il viso e per il corpo. Per questo motivo il Dien Chan, nel pieno del suo potenziale, può essere considerato come una "multi-riflessologia".

 

Questa tecnica è perfetta per la popolazione in cui è nata e progettata. Tuttavia, le tecniche e le medicine valide attraversano i confini dettati dagli uomini, dal tempo e dallo spazio; restano utili oltre le loro origini.

IMPIEGO DIEN CHAN

IN VIETNAM

  • Nato con l'utilizzo di aghi è stato successivamente eseguito utilizzando strumenti progettati dal professor Chau

  • Viene eseguito utilizzando punti fissi e studiato usando la puntura degli aghi

  • Gli strumenti sono usati in modo invasivo sul viso, sulla testa e sul corpo

  • La modalità di esecuzione è veloce

  • Il destinatario è seduto di fronte all'operatore

  • Le parti interessate sono stimolate, riscaldate con moxibustione e trattate con roulettes.

  • I punti vengono premuti e dei patch vengono applicati per un rilascio lento della stimolazione

  • Ogni trattamento dura in media 10 minuti

  • Il consiglio sul trattamento da eseguire autonomamente non è condiviso poiché ognuno ha il proprio modo di curarsi attraverso il viso

  • Non esiste un "contatto energetico" tra il destinatario e l'operatore

  • Orologi e metalli sono indossati durante il trattamento

  • I telefoni cellulari sono consentiti durante il trattamento

  • La stimolazione dei punti è molto dolorosa, al limite della propria resistenza

 

I vietnamiti sono grandi maestri della tecnica eseguita in questo modo e allo stesso tempo adatti a riceverla in questo modo. Infatti hanno una prospettiva completamente diversa orientale sulla guarigione, ovvero, associano la cura all'esperienza del dolore.

 

La tecnica è perfetta per loro eseguita in questo modo e solo loro sono in grado di eseguirla con tale precisione. Gli occidentali, o gli orientali nati in occidente, non possono eseguirla allo stesso modo, né riceverla con tale brevità e disagio.

....

....

HOW DOES IT WORK?

It works to restore the correct flow of energy in the body. The body signals to us a problem by means of a pain or discomfort in the body. Such a symptom indicates an energetic block.

An energy block means there is a difficulty in circulation for the energy itself along the vital life force which nourishes our body. It is never a synonym for illness, but only a major request for energy (circulation of blood, linfatics, nervous, respiratory, digestive, sexual and or purely energetic) by one or more organs or systems.

With the possibility to stimulate these interesting areas by ourselves throughout the day, we can regulate and encourage the movement of global energies in the body with particular attention to the zone which signalled the symptom. 

 

WHAT IS IT USED FOR?

 

It is suitable to treat symptoms presented in the acute, chronic or preventative phases.

 

In the first instance, we would work in first aid mode with treatment of a few minutes to lessen the pain.

 

In the second instance, we would work with a treatment of 30 to 60 minutes where the chosen system is worked until we are able to achieve various responses. Every time that you work a symptom we intervene to affect the physical, emotional, mental and spiritual condition of the recipient with relation to the chosen organ.

 

In the third case, we would work the most delicate apparatus with respect to an energetic response to, for example, a food, an allergy or an intolerance. Once we have identified the apparatus in question, by working to rebalance we can possitively alter the balance of our immune system. Therefore it is also a great tool at a preventative level.

In the Orient, the holistic attitude towards health is extremely interesting and reminiscent of our own ancient traditions which we have lost in the name of official medicine. Nonetheless, more recently we are recovering such therapies as a means of 'complementary' treatment to be applied in addition to official medicine. This emergence includes our technique.

 

It should be recognised that in the Orient such therapies are performed in a manner much more invasive than is normal in the West. If we want therefore to save them and to render them viable here, we must translate them to meet the needs of the population with which we wish to share it.

 

This has been our work; the mission of Beatrice, the duty of the Academy, our story: to find the correct language and order so that this technique would not be lost or wasted in the West. It has been an attempt to return it to everyone, not modified but re-implimented and de-coded and named Dien Chan Zone®.

APPLICATION IN ITALY

DIEN CHAN ZONE®

.

  • It is performed using the instruments designed by Professor Chau as well as the hands

  • It is performed using established zones to search for the point related to any person's personal energetic block

  • The instruments used on the face, head and body are non-invasive, indeed preference is given to hand work on the body

  • The mode of application is fast in order to perform first-aid and lasts 30 to 60 minutes for a therapeutic intervention

  • It is performed standing or sitting for first aid, and lying down on a bed in all other cases

  • The parts are stimulated, heated with moxibustion, worked with the hands and rolled with instruments

  • It is applied to personal points through the stimulation of certain zones, patches can also be applied for a slow release of stimulation thereafter 

  • Each treatment lasts no more than 60 minutes

  • Advice about follow-up treatment with the technique is shared with the recipient so that they may continue the work on themselves

  • The 'energetic contract' between recipient and operator is present throughout the treatment

  • All watches and metals are removed for the duration of the treatment

  • The stimulation of the zones and specific points of interest must not be painful... ever

 

 

Over the course of 20 years we have become great teachers of the technique taught in this way and at the same time we love to recieve it in this way because we know that the energetic rebalance will never arrive through pain. If the body experiences pain it raises a barrier of defense which only further restricts a free and rebalanced circulation. For us, in the West the cure never arrives through the experience of pain.

 

The technique is perfect for us in this way and over the years, after treating thousands of recipients, we know how to perform and teach it to perfection.

..

COME FUNZIONA?

DIen Chan ripristina il corretto flusso di energia nel corpo. Il corpo ci segnala un problema per mezzo di un dolore o di un disagio. Un tale sintomo indica un blocco energetico.

Un blocco energetico significa che c'è una difficoltà nella circolazione dell'energia stessa lungo il flusso vitale che nutre il nostro corpo. Non è mai sinonimo di malattia, ma solo una richiesta importante di energia (circolazione del sangue, linfatica, nervosa, respiratoria, digestiva, sessuale e / o puramente energetica) da parte di uno o più organi o sistemi.

Avendo la possibilità di stimolare autonomamente queste zone interessate per tutto il giorno, possiamo regolare e incoraggiare il movimento delle energie globali nel corpo con particolare attenzione all'area che ha segnalato il sintomo.

QUANDO SI USA?

Questa tecnica è adatta per trattare i sintomi che si manifestano in forma acuta, cronica o a titolo preventivo.

 

Nel primo caso lavoreremo in modalità di pronto soccorso con un trattamento di pochi minuti per ridurre il dolore.

 

Per le situazioni croniche passeremo ad un trattamento da 30 a 60 minuti in cui il sistema scelto verrà lavorato finché non saremo in grado di ottenere qualche risposta. Ogni volta che si lavora un sintomo interveniamo per agire sulla condizione fisica, emotiva, mentale e spirituale del ricevente in relazione all'organo scelto.

 

Nel caso di prevenzione ci soffermiamo sull'apparato più delicato che attua una reazione rispetto ad un cibo, come un'allergia o un'intolleranza. Una volta identificato l'apparato interessato, lavoriamo per alterare possibilmente l'equilibrio del nostro sistema immunitario.

In Oriente l'atteggiamento olistico nei confronti della salute è estremamente interessante e ricorda le nostre antiche tradizioni che abbiamo perso in nome della medicina ufficiale. Tuttavia, recentemente stiamo recuperando tali terapie come mezzo di trattamento "complementare". La nostra tecnica è una di queste.

 

Dobbiamo riconoscere che in Oriente alcune terapie sono eseguite in modo molto più invasivo di quanto non sia normale in Occidente. Per recuperarle e renderle usufruibili, dobbiamo tradurle per soddisfare i bisogni della popolazione con la quale desideriamo condividerle.

 

Questo è stato il nostro lavoro. La missione di Beatrice, il dovere dell'Accademia, la nostra storia: trovare il linguaggio e l'ordine corretti in modo che questa tecnica non andasse persa o sprecata in Occidente. È stato un tentativo di restituirla a tutti, immutata ma decodificata, adattata e rinominata Dien Chan Zone®.

IMPIEGO DIEN CHAN ZONE® IN ITALIA

  • Viene eseguito utilizzando gli strumenti progettati dal Professor Chau e le mani

  • Viene eseguito utilizzando le zone stabilite per cercare il punto relativo al blocco energetico personale di una persona

  • Gli strumenti utilizzati sul viso, sulla testa e sul corpo non sono invasivi, anzi, viene data preferenza al lavoro manuale sul corpo

  • La modalità di applicazione può essere veloce per eseguire il primo soccorso o durare dai 30 ai 60 minuti per un intervento terapeutico

  • Viene eseguito in piedi o seduto per il primo soccorso e sdraiato su un letto in tutti gli altri casi

  • Le parti sono stimolate, riscaldate con moxibustione, lavorate con le mani e stimolate con delle roulettes.

  • Si applica a punti personali attraverso la stimolazione di determinate zone, i patch possono anche essere applicati per un lento rilascio di stimolazione

  • Ogni trattamento dura non più di 60 minuti

  • Il consiglio sul trattamento da eseguire autonomamente viene condiviso col ricevente

  • Il "contatto energetico" tra il ricevente e l'operatore è presente durante tutto il trattamento

  • Tutti gli orologi e i metalli vengono rimossi per tutta la durata del trattamento

  • La stimolazione delle zone e dei punti di interesse specifici non deve essere dolorosa ... mai

 

 

Nel corso di 20 anni siamo diventati grandi maestri della tecnica insegnata in questo modo e allo stesso tempo amiamo riceverla in questo modo perché sappiamo che il riequilibrio energetico non arriverà mai attraverso il dolore. Se il corpo sperimenta dolore solleva una barriera di difesa che limita ulteriormente una circolazione libera e riequilibrata. Per noi, in Occidente, la cura non arriva mai attraverso l'esperienza del dolore.

 

La tecnica è perfetta per noi in questo modo e nel corso degli anni, dopo aver trattato migliaia di riceventi, sappiamo come eseguirlo e insegnarlo alla perfezione.

....

....
Our local culture does not associate pain with healing
 
We have developed this technique to meet the place and people we treat. We accommodate a completely different DNA, diet, philosophy, and vitally we respect a completely different approach to popular medicine than that found in Vietnam.
 
Those living in this part of the world, that insist on sharing the technique in the Vietnamese style have completely misunderstood the concept of complementary medicine. That is, they do not understand the principles and the wisdom of Eastern holistic medicine.
 
Instead, we encourage rebalance in the body which seeks to unlock the existing problem; we do not aggrevate with further discomfort. To us, such behaviour is senseless.
 
Our work serves to honour this magnificent therapy
..

La nostra cultura locale non associa il dolore alla guarigione

Abbiamo sviluppato questa tecnica per raggiungere il luogo e le persone che trattiamo. Condividiamo un DNA, una dieta, una filosofia completamente diversa e crediamo fermamente in un approccio completamente diverso alla medicina popolare rispetto a quello trovato in Vietnam.

Coloro che vivono in questa parte del mondo, che insistono nel condividere la tecnica in stile vietnamita, hanno completamente frainteso il concetto di medicina complementare.

Non comprendono i principi e la saggezza della medicina olistica orientale.

Al contrario, noi incoraggiamo il riequilibrio del corpo che cerca di sbloccare il problema esistente; non ci rassereniamo attraverso un ulteriore disagio.

Per noi, un simile comportamento, è insensato.


Il nostro lavoro serve per onorare questa magnifica terapia

....

via Volvinio 22, 20141, Milano

info@dienchanzone.com

+390236754200

3667275966

....All images and content copyright ©2018..

Immagini e contenuti protetti da copyright ©2018....